Caprotti_Bernardo_Giuseppe_Ursino_blog

Bernardo Caprotti: in Italia non vedo futuro

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

“L´Italia rimane l’unico Paese al mondo dove l’impresa non può scegliersi i collaboratori.

I sindacati ti fanno causa anche per reintegrare i ladri…

Ci sono due modi per difendere i lavoratori.

Uno è sviluppare il sistema, le imprese, perseguire l’efficienza per fare funzionare le aziende e le aziende inventano prodotti, creano ricchezza e lavoro, non solo «posti di lavoro».

Oppure il nostro modo, speciale, tutto italiano, ove, in nome di una malintesa solidarietà, si caricano oltremodo i migliori col pretesto di sostenere gli ultimi della classe.

Siamo arrivati a un punto in cui i migliori, se stanno in Italia, non ce la potranno fare…

Vede, l’America ha un sistema discutibile, ma con una caratteristica: funziona.

Funziona perché la nazione, la convivenza, si fonda su valori condivisi…

L’enterprise in America sta al centro, è il motore.

Da noi l’impresa è la nemica.

Del lavoratore, del politico, degli ambientalisti, della pubblica amministrazione.

La parola impresa nella nostra Costituzione non c’è, «lavoratori» e «sindacati» 31 volte.”

Come dar torto a questo 86enne?

Fonte: Panorama.it

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

LINKEDIN