Giuseppe_Ursino_blog

Ce lo possiamo ancora permettere un Paese così?

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ce la possiamo permettere una classe dirigente che considera i propri privilegi una variabile indipendente dai risultati? Ce lo possiamo permettere un Paese dove i nonni, con le loro spropositate pensioni, rubano risorse ai nipoti? Ce lo possiamo permettere il fatto che il diritto a non essere giudicati sia dato per scontato tra i lavoratori e dai sindacati? Che nel pubblico l’unico criterio sia l’anzianità, senza alcuna correlazione fra la dinamica retributiva e la valutazione del merito individuale? Ci possiamo permettere una scuola dove i docenti lavorano 594 ore contro una media OCSE di 704 ore, in pratica un giorno in meno a settimana? Con una paga oraria più alta della media OCSE e una pensione pari al 95% dell’ultimo stipendio contro un indice attorno al 70% negli altri Paesi europei? Ci possiamo permettere una durata media del processo per un contratto non rispettato di 1.210 giorni contro i 190 giorni della Danimarca? Il PIL pro capite italiano è sceso rispetto alla media dell’area euro, da 105 nel 1988 a 94 nel 2007. Nell’attrazione degli investimenti esteri siamo in caduta libera, scendendo dal 18° posto del 1990 al 25° posto del 2000, fino al 29° posto del 2005. Nel 2007 sono fallite 245.843 imprese, il 4,8% di tutte le aziende italiane, con un aumento dal 2000 al 2007 del 9,3%. Negli ultimi dieci anni la quota italiana del mercato mondiale è precipitata del 40%, soprattutto per un aumento del costo del lavoro per unità di prodotto, salito fra il 1996 e il 2005 del 20%, contro un calo del 10% in Francia e Germania. Per confrontarsi con qualche chance di farcela in un contesto così difficile ci vorrebbe un ceto dirigente giovane, deciso a sfidare l’impopolarità scommettendo sul domani, ma al contrario in tutti i settori vitali siamo governati da vecchi. Come si vince una guerra mandando al fronte i vecchi?

Un’ultima battuta sui fantomatici fondi per la ricerca scientifica quale leva strategica per il rilancio italiano. Aumentarli a contesto immutato sarebbe uno sterile spreco di risorse, perché seppure spendiamo poco più dell’1% del PIL, senza l’adozione di criteri di assegnazione fondati sul merito, la distribuzione dei fondi sarebbe l’ennesimo ammortizzatore sociale.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Controvento

Sin dai tempi dell’università ho sempre lavorato per promuovere una grande madrepatria europea ed il miglioramento dei fondamentali della mia Isola: infrastrutture, sistema educativo, burocrazia,

Leggi tutto »