Convergenza-digitale_Giuseppe_Ursino_blog

Convergenza: wonderful word

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Oggi vi parlerò di tecnologia e digital trasformation. Un tempo si diceva televisore, e finiva lì. Si sapeva bene cosa faceva e a cosa serviva. Oggi no, televisore vuol dire tante altre cose, perché sullo schermo si vede molto altro. Le foto di famiglia, le pagine di un giornale, i siti Internet preferiti, le trasmissioni del satellite, i videogiochi, il digitale terrestre e i film on demand, la posta elettronica e i social network, la radio e la musica.
Tutto è cambiato da quando anche la televisione è entrata nell’era digitale, da quando, semplificando esageratamente, i chip hanno preso il posto del tubo catodico. Da quando siamo entrati nella digital transformation, del vecchio televisore è rimasto poco o nulla. Sono cresciute le dimensioni degli schermi e si sono ridotte all’infinitesimo quelle delle altre parti, fino a trasformare le tv in futuristiche cornici. Il televisore ha inglobato tutto, lentamente, costantemente, ribadendo il proprio ruolo centrale non solo nel nostro salotto ma, soprattutto, nella nostra vita. Due schermi resistevano, strenuamente, a questa lenta conquista, ed erano quelli del computer e dello smartphone. Entrambi hanno provato a fare il gioco contrario: prendere il contenuto della tv e portarlo dentro le loro trame, e qualche successo lo hanno ottenuto, ma chi produce computer e cellulari non si aspettava che la vecchia televisione fosse in grado di reagire, potesse improvvisamente rimescolare le carte di un gioco che sembrava già deciso.

La parola magica è “convergenza”, nata assieme all’era digitale e seguita dalla digital transformation. Tutto “converge” verso il televisore di casa: il telefono, il computer, il cavo, il digitale terrestre, Internet, tutto raccolto in un solo schermo. Fino a qualche anno fa, quando il mondo era analogico, i vari media non potevano essere mescolati, ognuno aveva la sua tecnologia e non c’era verso di mettere insieme, ad esempio, le pagine di un giornale e le onde della radio. Oggi non è più così, perché tutto si è trasformato in bit, e un bit di radio è uguale al bit di un giornale. Il che significa che i programmi televisivi e radiofonici, i giornali, i film, i giochi, possono passare tutti attraverso un unico terminale e finire in un unico schermo, quello della tv.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Controvento

Sin dai tempi dell’università ho sempre lavorato per promuovere una grande madrepatria europea ed il miglioramento dei fondamentali della mia Isola: infrastrutture, sistema educativo, burocrazia,

Leggi tutto »