PIL_italia_Giuseppe_Ursino_blog

Grecia e Irlanda in crescita, il Pil italiano resta negativo

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’Irlanda nel secondo trimestre 2013 fa un +0,4% del PIL, mentre nell’ultimo trimestre 2012 faceva un -0,6%.

Anche la Grecia dopo 6 anni di durissima crisi per la prima volta nel secondo trimestre 2013 ha un PIL in crescita.

L’Italia, invece, nel secondo trimestre 2013, unica tra i paesi occidentali, continua a precipitare di un altro -0,3% del PIL.

Nel mentre la gente ha fame, le aziende chiudono e i giovani emigrano.

Io mi rifiuto di accettare questo stato di cose. Ci vuole un cambiamento radicale, senza buonismi e sconti a nessuno. Sono sicuro che i giovani sono pronti a fare la loro parte!

Fonte: Ilfattoquotidiano.it

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica