capitalismo-italia_Giuseppe_Ursino_blog

Il nanocapitalismo italiano

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Le metà delle più grandi aziende quotate in borsa negli Stati Uniti, nello S&P 500, seppure di origine famigliare non sono controllate dalle famiglie di origine.

Gli eredi dei fondatori sono rimasti importanti azionisti, ma non sono diventati un freno mortale alla crescita delle aziende.

Questa è una bella differenza tra il capitalismo americano e l’anemico capitalismo italiano, sempre più provinciale e marginale, ed è uno dei motivi della debolezza della Borsa milanese esplosa quest’estate.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

LINKEDIN