società-meritocrazia_elite_Giuseppe_Ursino_blog

La parte migliore della società si identifichi con le élite

Condividi questo articolo:

L’economia ci pone di fronte ad una guerra culturale (quella sulla meritocrazia, sul talento e sul rendimento) che per senso di responsabilità non possiamo perdere.

E per vincere questa sfida occorre lavorare affinché la parte migliore della società si identifichi con le élite.

In quest’ottica è essenziale curare il senso della moderazione che significa coltivare la capacità di ascolto e di dialogo, segno non di debolezza, ma di forza, pacatezza ed equilibrio.

Essenziale è vivere il rigore dei comportamenti quale fondamento della propria autorevolezza.

In questo contesto è tempo che le élite lascino al proprio destino, senza patologiche complicità, quelle fasce di lavoratori che a fine mese non incassano uno stipendio, ma un sussidio, generosamente distribuito dalla repubblica italiana.

E così superare alcune lampanti ingiustizie: oggi può un lavoratore che smazza per 10 ore al giorno guadagnare quanto ciurme di scansafatiche, per un’impropria visione italiana del termine uguaglianza?

È accettabile il fatto che se rubi sul tuo lavoro e vieni colto con le mani nel sacco e ti condannano, appena esci lo Stato italiano impone al tuo datore di lavoro di reinserirti nella sua azienda?

È accettabile il fatto che se decidi di essere svogliato e di darti continuamente assente, nessuno può obbligarti a lavorare o può licenziarti?

O se commetti dei crimini anche gravi, dopo poco tempo sei di nuovo a piede libero, per un’impropria visione italiana del termine garantismo?

Ci sono sempre nella pubblica amministrazione migliaia di dirigenti che non dirigono nessuno, fanno i normali impiegati, non rischiano nulla, ma guadagnano da dirigenti e cioè tre volte quanto altre persone che fanno la stessa tipologia di lavoro di impiegato.

Considerando questi sprechi e ingiustizie sociali, in una società che sta dimostrando poco senso dello Stato e della legalità non rimane, con pragmatismo, altra scelta che ridimensionare con privatizzazioni e deregolamentazioni il peso della politica e della P.A. nella vita economica e sociale.

È anche tempo che le élite lascino al proprio destino quelle imprese che in maniera spregiudicata lavorano fuori dalle regole del gioco, creando concorrenza sleale e dimostrando quanto ancora primitiva è la nostra economia. 

È tempo che le élite asciughino l’acqua in cui nuotano alcune bande politico-criminali che abusando dell’ingenuo supporto elettorale di tanta gente, hanno acquisito quei ruoli istituzionali dai quali giorno dopo giorno creano frustrazione, povertà e pessimismo sul futuro della nostra gente.

Sembrano cavallette fameliche alle quali, se la magistratura dormiente non è riuscita a mettere un freno, è ormai tempo che siano le élite a giocare il ruolo che purtroppo per evidente incapacità non riescono a giocare le opposizioni politiche.

La democrazia infatti non si autoalimenta, non è autosufficiente, anzi, come per ogni altro regime politico, la durata non è disgiunta da una certa decadenza, per cui per mantenere un tessuto etico ha bisogno dell’apporto delle élite morali e culturali.

Bisogna riappropriarsi del gusto della politica, che non può prescindere da ideali, passioni e valori morali.

È il raggiungimento del potere quale strumento per far vivere le proprie convinzioni.

Uno dei suoi compiti principali è creare benessere diffuso, perché la libertà non accompagnata da autonomia economica è una finta libertà, l’individuo in tal caso è libero di diritto e schiavo di fatto.

Forse è proprio per questo che certi politici ci donano da decenni solo povertà e disoccupazione.

(intervento su LA SICILIA il 5-9-2007)

Condividi questo articolo:

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

Camminare a testa alta

Dai tempi dell’università sono un attivista a favore della giustizia sociale (per i veri deboli che non sono certo gli impiegati pubblici, ma le tante

LINKEDIN