lavoro-italia_guerra_Giuseppe_Ursino_blog

Rischio di una guerra generazionale

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Le protezioni sociali NON possono darsi solo ai pensionati e ai cassintegrati (le 2 categorie rappresentate e difese dai sindacati).

C’è tutto un mondo di giovani che è rimasto fuori dal mercato del lavoro, perchè i nuovi sistemi produttivi non hanno più bisogno di molto personale. E anche loro hanno la stessa dignità.

Allora, se le risorse finanziarie sono poche, occorre REDISTRIBUIRLE su tutti, aiutando anche i giovani.

Di questo passo, se non si cambia approccio al problema, si arriverà ad una guerra generazionale.

Altro che destra contro sinistra (parole che avevano molto più senso 100 anni fa che oggi), ma giovani contro vecchi.

Basta leggersi il rapporto annuale sulle tendenze globali dell’occupazione, appena diffuso dall’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) per aver chiaro lo scenario.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

LINKEDIN