razzismo_italia_Renè_Philombe_Giuseppe_Ursino_blog

L’uomo che ti somiglia

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Ho bussato alla tua porta ho bussato al tuo cuore per avere un buon letto per avere un buon fuoco perché respingermi? Aprimi, fratello! Perché domandarmi se sono dell’Africa se sono dell’America se sono dell’Europa?

Aprimi, fratello! Perché domandarmi la lunghezza del mio naso lo spessore della mia bocca il colore della mia pelle e il nome del mio Dio? Aprimi, fratello! Io non sono un nero io non sono un rosso io non sono un giallo io non sono un bianco io non sono che un uomo.

[Tweet “Io non sono un nero,io non sono che un uomo,l’uomo che ti somiglia (cit. René Philombe)“]

Aprimi, fratello! Aprimi la tua porta aprimi il tuo cuore perché io sono un uomo. L’uomo di tutti i tempi l’uomo di tutti i cieli l’uomo che ti somiglia. Aprimi, fratello! (René Philombe)

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

LINKEDIN