Dall’unità d’Italia ad oggi cosa è cambiato?

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Già nel 1900 l’illustre lucano Saverio Nitti, con la pubblicazione di “Nord e Sud” dimostrava su base scientifica come nel primo quarantennio di vita unitaria ci sia stato un costante e abbondante trasferimento di risorse dal Sud al Nord.

A seguire con le guerre mondiali tutti gli sforzi economici bellici erano allocati al Nord. Il Sud, come sempre, rimaneva al palo, ma mandava tutti i suoi ragazzi a combattere.

Dal 1951 al 1990 la Cassa per il Mezzogiorno ha investito al Sud 200 miliardi di euro, pari allo 0,7% del Pil nazionale, cifra assolutamente irrisoria per il riequilibrio territoriale e molto più bassa di quella investita in situazioni analoghe negli altri paesi occidentali, come in Germania o negli USA.

Tra l’altro “lo sforzo” italiano di quei 40 anni verso il Mezzogiorno è stato un mezzo bluff, in quanto queste risorse sono state sostitutive degli ordinari stanziamenti statali, che nel contempo venivano abbondantemente tagliati.

Dagli anni ’90 ai giorni nostri l’accordo-quadro che prevede di assegnare il 45% dell’intera spesa pubblica per investimenti al Sud è stato totalmente disatteso. Oggi siamo appena al 32%!

Per meglio capire cosa si fa coi soldi da “investire nel Sud”, è esemplare pensare al destino dei Fondi per le Aree Sottoutilizzate, in gergo detti FAS, che all’inizio erano 64 miliardi di euro ed andavano investiti per l’85% nel Sud.

Ebbene, di questi:

3 miliardi di euro sono serviti a Berlusconi per l’abolizione dell’ICI,

4 miliardi di euro sono serviti per coprire le perdite di Trenitalia e Ferrovie che non sanno dove il Sud stia sulla cartina geografica,

8 miliardi di euro sono stati utilizzati per gli ammortizzatori sociali che con la Cassa Integrazione Guadagni sono stati il sostegno alle imprese del Nord in difficoltà,

4 miliardi sono serviti ad avviare la ricostruzione post-terremoto dell’Abruzzo,

ed è meglio che mi fermi qui per non tediare e tediarmi.

Conclusioni: secondo le ultime statistiche Eurostat, il Pil pro-capite del Nord Italia, a parità di potere d’acquisto, è superiore a quello della Svezia, paese tra i più ricchi al mondo, mentre il Pil pro-capite del Sud è inferiore a quello del Portogallo, che è il paese più povero in Europa.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Controvento

Sin dai tempi dell’università ho sempre lavorato per promuovere una grande madrepatria europea ed il miglioramento dei fondamentali della mia Isola: infrastrutture, sistema educativo, burocrazia,

Leggi tutto »