guerra-culturale_disoccupazione_Giuseppe_Ursino_blog

Vincere la guerra culturale per rilanciare il benessere

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il modello europeo più performante nel ridurre la disuguaglianza dei redditi è quello danese, in cui le imprese sono libere di licenziare e però i lavoratori vengono protetti da un’importante indennità di disoccupazione.

Si proteggono i lavoratori e non le aziende decotte, i consumatori e non i produttori.

E’ molto più equo perché protegge tutti e non solo i privilegiati delle grandi aziende collegati ai sindacati. Insomma, giovani, donne e Sud non vengono tagliati fuori dalle protezioni sociali.

Inoltre, le società scandinave vantano una mobilità sociale addirittura superiore a quella anglosassone, grazie all’impegno pubblico sull’istruzione di qualità e sugli asili nido, per cui il figlio di un operaio può diventare un top manager senza essere considerata un’anomalia.

Incrocio le dita e spero che la zavorra politico-culturale che ha affossato l’Italia dal ’68 in poi venga finalmente marginalizzata, anche se è inquietante il fatto che in questi giorni CGIL e FIOM sono onnipresenti in tv sostenuti dal mondo del giornalismo e dei conduttori tv.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica