akhenaton_Giuseppe_Ursino_blog

Akhenaton ed il coraggio di cambiare

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nel 14° secolo a.C., l’Egitto provò a reagire al suo lento declino di civiltà col governo del faraone Akhenaton, che coraggiosamente accantonò Amon e tutti gli altri dei e si indirizzò verso il monoteismo del dio Aton “luce”.

Purtroppo il suo tentativo di rilancio della civiltà egizia fu fallimentare, perché alla sua morte i sacerdoti dei vecchi dei con determinazione riacquistarono il potere e distrussero tutte le opere artistiche, letterarie e architettoniche di Akhenaton.

Questo ritorno al passato fu il suicidio per quella civiltà millenaria.

In pochi anni il popolo e il paese cominciarono velocemente a decadere ed a corrompersi.

Un grande uomo aveva dato una chance al suo popolo, ma poiché l’arroganza della mediocrità ebbe la meglio (come capita spesso), quei conservatori nostalgici tirarono verso l’abisso tutti gli egiziani.

I mediocri erano incapaci di avere una visione e guardare avanti, ma erano capacissimi di ostacolare chi aveva le qualità per condurre l’Egitto verso nuovi orizzonti.

Così si arrivò gradualmente alla catastrofe.

Mi sembra una metafora ricca di suggestioni, ahimè, attuali.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Bussola ed élite

È sotto i nostri occhi che su scala mondiale sta mancando una élite in grado di direzionare gli esseri umani nel frenare quel cambiamento climatico

Leggi tutto »
blank