Coesione_sociale_Giuseppe_Ursino_blog

Coesione sociale o declino

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nel Medioevo si pensava che Dio avesse delegato il papa per il sacro e l’imperatore per le cose secolari.

Con l’utilizzo della polvere da sparo, a partire dal XV secolo, nacquero gli stati nazionali e venne definitivamente meno la già decadente fede romana nell’unità della civiltà.

Mancando principi guida la politica divenne solo una lotta per il potere.

Come prima era successo alla magnifica civiltà greca, nell’Italia del Rinascimento, saltati i freni morali e la coesione sociale, gli italiani, diventati impotenti come collettività, finirono per essere dominati da civiltà meno sviluppate, ma più sane.

Nel mondo contemporaneo le riforme liberali moderne hanno mirato a preservare la stabilità e la coesione sociale avallando gradualmente quei cambiamenti imposti dai tempi e superando da una parte il rischio della cristallizzazione, per un eccessivo rispetto dell’ortodossia, e dall’altro il rischio della dissoluzione, per una eccessiva indipendenza personale.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Bussola ed élite

È sotto i nostri occhi che su scala mondiale sta mancando una élite in grado di direzionare gli esseri umani nel frenare quel cambiamento climatico

Leggi tutto »