Pietro_Scoppola_Giuseppe_Ursino_blog

L’esempio di De Gasperi

Condividi questo articolo:

L’avvento di De Gasperi alla fine del ’45 non significa una svolta conservatrice e tanto meno reazionaria, bensì il passaggio da una politica delle élite a una politica dei partiti di massa e di opinione. Ha contribuito in maniera decisiva alla saldatura fra la Chiesa italiana e la democrazia; ha posto solide premesse politiche per la ricostruzione e poi per lo sviluppo economico e sociale del Paese; ha collocato la ricostruzione della democrazia italiana in un contesto internazionale; ha posto le premesse e ha compiuto i primi passi sulla via della costruzione di un’Europa unita. E poi ancora sul piano dello stile umano politico: ha offerto l’esempio di una totale dedizione e di un assoluto disinteresse nell’esercizio del potere; ha offerto agli italiani, dopo l’ubriacatura retorica di venti anni di fascismo e di Mussolini in particolare, l’esempio di un parlare moralmente appassionato, ma sobrio e severo. (Pietro Scoppola)


Condividi questo articolo: