Il Nuovo Mondo figlio della Digital Transformation

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nella storia dell’uomo la tecnologia ha sempre cambiato il mondo.

Lo ha fatto nel 18° secolo con le macchine a vapore che, superando i limiti fisici degli uomini, hanno portato alle produzioni su larga scala e alla nascita delle grandi città industriali.

Lo sta nuovamente facendo in questi anni superando questa volta non più i limiti fisici degli uomini, ma quelli cognitivi, aprendo così l’umanità a scenari fino a ieri impensabili. E una delle prime conseguenze è che molti lavori a basso ingaggio cognitivo, soprattutto quelli ripetitivi, vengono e verranno sempre più automatizzati.

Davanti a questi cambiamenti ci sono profili umani e fasce sociali che si prendono di paura e iniziano battaglie culturali contro il progresso tecnologico che inevitabilmente per loro rimarranno perdenti. Un esempio del passato che mi fa sorridere, per far comprendere quanto questo humus culturale sia forte in Italia, è stato l’arrivo in Italia della TV a colori con 10 anni di ritardo rispetto al resto d’Europa. Ritardo non dovuto a problemi tecnologici, ma per una resistenza al cambiamento ed una strenua difesa della TV in bianco e nero, soprattutto dell’allora PCI.

Ed il paradosso è che il mio paese è enormemente ricco di inventori, penso a Guglielmo Marconi per la radio, Antonio Meucci per il telefono, Federico Faggin per il touchscreen, Leonardo Chiariglione per gli mp3 o Bruno Murari per gli accelerometri, mentre rimane sempre in gran ritardo nell’adottare ogni genere di innovazione!

Ritardi dovuti da una resistenza al cambiamento figlia di un conformismo radicato nel ceto dirigente del paese. Così, chi ha una marcia in più finisce per pagare la mediocrità di un humus culturale che emargina e spesso deride coloro che hanno le capacità di andare oltre l’ordinaria amministrazione per visione e pensiero laterale. Triste ricordare che nessuna delle invenzioni fatte dagli italiani accennati prima è stata sviluppata nel nostro paese. Nel dialetto siciliano si dice “chi esce (dall’Italia) riesce” e non è certo un complimento per il mio paese.

Una delle immediate conseguenze del basso tasso di tecnologia nel lavoro di tanti italiani è la bassa produttività con un CLUP (costo del lavoro per unità di prodotto) tra i più alti in Europa. Sicuramente la bassa produttività è figlia anche di altre criticità (rendite di posizione, burocrazia, infrastrutture,…), fatto sta che questa mancanza di capacità competitiva costringe in Italia a tener bassi i salari.

Quindi un cambiamento di humus culturale a favore della digital transformation sarebbe una leva per lo sviluppo economico importantissima. E proprio su un certo conservatorismo ognuno dovrebbe farsi un esame di coscienza, perché un altro guaio italiano è che pensiamo che sia tutta responsabilità collettiva autoassolvendoci, mentre dovremmo prendere esempio da altre culture che sin da subito formano i bambini alla responsabilità personale.

Nella storia i grandi cambiamenti sono avvenuti sempre a seguito di guerre o pandemie. Quindi il covid-19 potrebbe essere un’opportunità da non sprecare. Da una parte cresceranno le forze reazionarie, sempre temibili e trasversali, che propugneranno un paese arroccato sul passato, dall’altro prenderà forma Il Nuovo Mondo con ecosistemi che utilizzeranno il 5G e l’intelligenza artificiale per farci vivere nelle smart cities alcuni di quegli scenari che siamo abituati a vedere nei film di fantascienza.

Per dar un piccolo contributo a Catania nella direzione di questo necessario cambio di mentalità, del mindset come dicono gli americani, all’interno del JO Group ho da poco ridisegnato la mission della nostra non profit JO Education facendone un Innovation Hub, quale vivaio di talenti naturali vocati alla digital transformation. Nel vicino futuro proveremo a inventarci nell’Innovation Hub delle attività che punteranno a creare tendenza, perché chi fa il mio mestiere sente anche un dovere morale nell’indicare una direzione di marcia per uscire dal sottosviluppo economico e culturale e io non mi sono mai sottratto, anche se a volte potrebbe apparire che ogni sforzo è inutile e ti senti incompreso. Ma questo fa parte del gioco.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Bussola ed élite

È sotto i nostri occhi che su scala mondiale sta mancando una élite in grado di direzionare gli esseri umani nel frenare quel cambiamento climatico

Leggi tutto »