io-e-dio_Giuseppe_Ursino_blog

Io e Dio

Condividi questo articolo:

Sin dall’origine della civiltà la religione ha giocato un ruolo chiave nelle relazioni tra uomini e nel potere su questa terra, creando distorsioni ed un utilizzo strumentale del rapporto con Dio.

Non c’è religione che non abbia avuto ed ha questo grande limite, l’influenza umana sull’interpretazione di Dio a fini umani.

Da cristiano “adulto” reputo che col Vangelo si sia toccato il punto più alto del rapporto tra uomo e Dio.

Leggendolo in alcuni passi si sentono tutti i limiti degli Scriventi quali uomini della loro epoca, altri passi rappresentano in tutta la loro forza l’eternità del Messaggio.

Per “ispirazione di Dio” è da intendersi non che siano stati scritti da Lui, ma che, oltre ai tratti umani dei Redattori, contengono il Messaggio di Dio per tutti noi.

Si cambia paradigma rispetto alla visione della religione fino a quel momento, quale cosa complessa e riservata a dei “superuomini” che avrebbero poi guidato il popolo dei credenti.

Nell’approccio di Gesù non occorrono tre lauree per capire Dio, anzi il Signore prendeva ad esempio i bimbi per far comprendere la semplicità del Messaggio e se la prendeva coi “dottori della Legge” che creavano a loro uso e consumo obblighi e vessazioni per i credenti, allontanandoli dall’essenziale.

Ammoniva: “Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito” (Luca 12,52).

Diceva: “Se non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli” (Matteo 18,3-4).

E poi: “Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli” (Luca 10,21).

Dopo la morte e resurrezione, con l’andare dei secoli, l’attitudine popolare ad una religiosità più ampia, allarga il culto di Dio ad altri culti, la Madonna e i Santi, mentre Gesù riprendendo l’Antico Testamento raccomandava: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a Lui solo renderai culto” (Matteo 4,10).

Inoltre, in una visione sessuofobica di quel tempo, con l’andare dei secoli, la verginità della Madonna venne interpretata come essenziale per il Cristianesimo.

Gesù è totalmente Dio, ma è anche totalmente uomo ed è uomo del Suo tempo, un’epoca dove la donna era sottomessa all’uomo e ne subiva le vessazioni. Quindi quando confutava la Legge di Mosè, che permetteva ad un uomo di ripudiare la moglie a sua discrezione e statuiva che l’uomo non avrebbe più potuto ripudiare sua moglie (Matteo 5,31-32), lo faceva a difesa della donna.

Ma adesso i tempi sono del tutto diversi, quell’indicazione di Gesù è legata alla Sua epoca, oggi non ha senso per me.

È in casi di questo genere che la Chiesa assume a volte i contorni di un conservatorismo e di un conformismo che rischia di allontanare quella parte di credenti che per intelligenza e cultura sanno distinguere le tare storiche dall’essenzialità del Messaggio di Dio.

Per esempio, per decine di volte nei Vangeli si parla di guarigioni come liberazioni dal demonio, appunto perché a quei tempi si credeva che una malattia consistesse nell’essere dominati dal demonio.

Oggi sappiamo che non è così, sappiamo che quell’impostazione è semplicemente una tara storica e che Gesù, per la Sua catechesi, doveva convertire con questi miracoli i primi cristiani.

Ma qual è il nocciolo del Messaggio di Gesù?

Cos’è che ci raccomanda superando tutti gli orpelli delle prescrizioni religiose del Suo tempo?

Ci raccomanda l’Amore!

Tutto si sintetizza in questa parola, che vuol dire Armonia, che va oltre la Giustizia (pensate al figliol prodigo che per Amore viene perdonato e festeggiato), che è la chiave di lettura di tutto ciò che c’è di buono e di cattivo su questa terra.

Riprendendo l’Antico Testamento raccomandava: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”, “Amerai il tuo prossimo come te stesso” (Matteo 22,37-39).

L’intelligenza umana nelle sue varie declinazioni, con la matematica, la filosofia, la fisica, la speculazione esoterica, arriva, quando le si pone la domanda delle domande, alla stessa conclusione a cui Gesù ci porta didatticamente prendendoci per mano da duemila anni, inascoltato.

Sul concetto di preghiera Gesù, rimasto anche qui da tanti inascoltato, diceva: “Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate” (Matteo 6,7-8). 

E poi riprendendo l’Antico Testamento diceva: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano essi mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini” (Matteo 15,8-9).

Guardate come ammoniva i “preti” dell’epoca: “Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente”, “si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati rabbì dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare rabbì, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste” (Matteo 23,5-9).

Sentite come li rimproverava perché moltiplicavano regole ed osservanze a scapito delle esigenze essenziali di Dio: “Guide cieche che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!”, “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati: all’esterno appaiono belli, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume” (Matteo 23,24 e 23,27).

E poi, altra lunga diatriba tra religiosi, quale rilevanza ha se Gesù ebbe o no dei fratelli? Cosa cambierebbe sul Messaggio di Amore a cui ci richiama?

Lui scelse per la Sua Missione gli Apostoli, scelse le affinità elettive. Amaramente constatava: “Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua” (Matteo 13,57).

Tra l’altro questa sua parentela, fratelli fratellastri o cugini che fossero, lo considerava un pazzo: “Entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: <È fuori di sé> ” (Marco 3,20-21).

Infine, ma si potrebbe parlare di Dio per tutta la vita rimanendo lo stesso insoddisfatti del poco tempo dedicatoGli, un altro concetto molto dibattuto: Dio uno e trino.

Io mi sono fatto questa idea. C’è Dio, il Padre che sta in cielo, e per cielo non si intende in senso letterale, ma in un’altra dimensione. Tra l’altro, noi già sappiamo dalla fisica che ci sono innumerevoli dimensioni e non solo quelle da noi percepite. Quando l’uomo è stato maturo per la Rivelazione ha mandato se stesso, una Sua emanazione, ossia Gesù, il Suo Figlio Unigenito. Assolta la Sua missione Gesù è ritornato dal Padre e nella dimensione terrena, quale agente divino, ha lasciato lo Spirito Santo, altra manifestazione del Padre.

Mi sono messo a scrivere queste cose perché avevo voglia di ragionare sulle uniche domande essenziali della nostra vita, perché sento attorno a me sempre parlare di sport, politica, gossip, mentre, dato che siamo essere pensanti e non siamo immortali, occorrerebbe molto di più soffermarsi a riflettere su: chi sono? da dove vengo? dove andrò?


Condividi questo articolo: