68-italia_Imprenditori_Giuseppe_Ursino_blog

La cappa del ’68

Condividi questo articolo:

Dividerei gli imprenditori in due categorie.

Da una parte coloro che hanno uno strettissimo rapporto con la Pubblica Amministrazione.

Dall’altra tutte quelle imprese che affrontano giornalmente il mercato, i cui leader si tengono il più possibile lontani dalla politica nostrana, che nutrono a ragion veduta per la Pubblica Amministrazione diffidenza ed ostilità.

I secondi sono coloro che con orgoglio imprenditoriale ogni giorno cercano di creare valore e, per chi di loro riesce a lavorare con l’estero, di portare in giro per il mondo il culto italiano per il bello e la creatività.

È a loro che va tutta la mia simpatia.

E quando li vedo trattati con stereotipato pregiudizio, come se fossero per metà delinquenti e per l’altra sfruttatori dei loro collaboratori, penso che ancora siamo rimasti a quel ’68 che è stato l’inizio della fine del miracolo italiano.

Una zavorra ideologica da cui liberarci, un culto del demerito che ancora impregna buona parte dell’opinione pubblica italiana di ogni colore politico.


Condividi questo articolo: