mancanza-di-merito meritocrazia Giuseppe_Ursino_blog

Mancanza di merito è un peccato mortale del popolo italiano

Condividi questo articolo:

Oggi la competizione è fortissima, non c’è alternativa ad utilizzare al meglio le risorse umane e quindi ad enfatizzare il merito.

Non è solo un problema di etica, ma è soprattutto un salto di paradigma comportamentale che porti ad acquisire un approccio vincente per non perdere la sfida per la sopravvivenza.

Un Paese, come un’azienda, con gli uomini giusti al posto giusto diminuisce le inefficienze e crea valore, che a quel punto è possibile redistribuire anche ai più deboli. Ma la ricchezza non cade dal cielo, bisogna guadagnarsela ed in Italia la maggior parte della gente non lo vuol capire.

Noi come italiani abbiamo preteso dai politici un dibattito serrato sulla valorizzazione del merito? nei tribunali? negli ospedali? nelle scuole? nelle università? ovunque?

Siccome gli italiani ancora non lo hanno preteso e votano sempre gli stessi brocchi ad ogni elezione, allora vuol dire che ancora immaginano di poter vivere a lungo sulle spalle degli altri.

Ma sbagliano. La festa è finita e sono e saranno dolori per tutti. La frittata è fatta e abbiamo un Paese allo sbando con una classe dirigente delegittimata in ogni settore.

Ma non sento quella reazione, quello scatto di chi chiede a tutta forza un cambio profondo, vedo solo crescere il fanatismo degli antisistema (dato fisiologico in questo contesto, ma che non risolve i problemi, anzi ne crea di altri in più) e poi un silenzio assordante di quei 30enni e 40enni che dovrebbero prendere a calci nel sedere tutte le generazioni più adulte che a spese dei giovani hanno fallito miseramente.


Condividi questo articolo: