SEGGIO-ELETTORALE_elezioni_Giuseppe_Ursino_blog

La mia esortazione per le elezioni regionali in Sicilia

Condividi questo articolo:

Non votate chi fa politica come mestiere (perché non ne ha un altro), perché al 99,99% sarà un mangiatario ed un incapace.

 

Non votate chi non conoscete personalmente e da tempo, non fidatevi del passaparola. Quasi sempre è un passaparola prezzolato e quindi irricevibile.

 

Non votate chi ancora sbandiera demagogicamente ideologie novecentesche. Il mondo di oggi è totalmente diverso e se già allora quelle ideologie hanno fatto un sacco di danni, adesso non sono nemmeno contestualizzabili. Chi le propugna è un dissociato mentale che maneggia sull’ignoranza e la disperazione delle persone.

 

Non votate chi ha diversi mandati alle spalle, perché solo aria nuova può provare a cambiare. Da soli i nuovi non basteranno, occorreranno leader che li guidino allo scontro frontale col malcostume che si annida nella pubblica amministrazione  regionale. Ma senza aria nuova il cambiamento non avrà quei presupposti essenziali per avverarsi.

 

Non votate chi avversa le norme contro la corruzione, perché la povertà siciliana è figlia di questa corruzione, non siate masochisti.

 

Infine, andate a votare, perché altrimenti vinceranno i ladroni della politica regionale che con la pressione psicologica costringeranno ad andare a votare i loro eserciti di schiavi. Per batterli bisogna quindi votare, così la percentuale di schiavi che voterà sul totale dei siciliani diminuirà il loro peso sul voto finale.

 

Il futuro nostro e dei nostri figli è nelle mani dei siciliani. Non continuiamo a suicidarci. Facciamo un liberatorio mea culpa perché il disastro di questi decenni in Sicilia è soprattutto responsabilità del popolo siciliano. Facciamo capire al mondo che ci guarda che il popolo siciliano ha capito e vuole riprendersi la propria dignità e guadagnarsi il proprio futuro. Riacquistiamo l’orgoglio ed il rispetto che ci tocca.

 

Che la Sicilia da domani diventi una terra di opportunità per i giovani e per chi vuole fare impresa.

 


Condividi questo articolo: