L’inferno fuori dal cerchio magico

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Siamo un Paese ingiusto, dove tutto ciò che ruota attorno al cerchio magico (ossia politici, sindacalisti, i 3.2 milioni di dipendenti pubblici, tutta la filiera di professionisti ed imprenditori che lavorano stabilmente in maniera “relazionale” con la pubblica amministrazione, …) continua a vivere in qualche modo serenamente, mentre tutto il mondo che rimane fuori dal cerchio magico (fatto, oltre che dai disoccupati, da imprenditori e lavoratori autonomi che non riescono o non vogliono “relazionarsi” col cerchio magico) rimane massacrato nel cerchio infernale delle inadeguatezze dei funzionari pubblici, della pochezza di opportunità lavorative, delle distorsioni di ogni tipo.

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica