Think_big_Giuseppe_Ursino_blog

Pensare in grande

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Chi ha sposato la cultura comunista o socialista  o democristiana ha una visione statica del mondo, pensa che la soluzione è la pianificazione e sembra partire dalla presunzione che le aziende, avendo una certezza di ricavi, possono accettare una staticità dei costi, è convinto che i modelli di business sono stabili nel tempo.

Se però il mondo non è quello che lui immagina, niente può essere considerato per sempre e lo statuto dei lavoratori col suo art.13, che vieta i demansionamenti, appare archeologia astrusa.

Se ogni cosa cambia velocemente anche le organizzazioni devono farlo, non è una opzione, è un criterio di sopravvivenza.

E le reazioni di resistenza che vedo in Italia non fanno che peggiorare lo scenario della pace sociale e del benessere del nostro popolo. Rimuovere la realtà non è la soluzione, è un suicidio di massa e nel nostro Paese pieno di cattivi maestri, valorizzati nelle TV e sulla stampa, da molto tempo il processo di rimozione ha annientato ogni tentativo di buon senso per rimetterci nella giusta carreggiata con danni devastanti sotto i nostri occhi.

Io direi di darci un taglio e con estrema velocità provare a recuperare i decenni perduti. Sol così si potrà tornare a sognare ed a pensare in grande.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Affamato di futuro

Nei decenni prima di tangentopoli si governava male, corruzione e mafia erano al top, ma il consenso era lo stesso assicurato da una spesa pubblica

LINKEDIN