L’uomo che ti somiglia

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ho bussato alla tua porta, ho bussato al tuo cuore per avere un buon letto, per avere un buon fuoco, perché respingermi? Aprimi, fratello! Perché domandarmi se sono dell’Africa, se sono dell’America, se sono dell’Europa?

Aprimi, fratello! Perché domandarmi la lunghezza del mio naso, lo spessore della mia bocca, il colore della mia pelle e il nome del mio Dio? Aprimi, fratello! Io non sono un nero, io non sono un rosso, io non sono un giallo, io non sono un bianco, io non sono che un uomo.

 

Aprimi, fratello! Aprimi la tua porta, aprimi il tuo cuore, perché io sono un uomo. L’uomo di tutti i tempi, l’uomo di tutti i cieli, l’uomo che ti somiglia. Aprimi, fratello! (René Philombe)

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI

Bussola ed élite

È sotto i nostri occhi che su scala mondiale sta mancando una élite in grado di direzionare gli esseri umani nel frenare quel cambiamento climatico

Leggi tutto »