Pensare alla Sicilia su raccolta del risparmio, acquisti e dimensione degli appalti

Condividi questo articolo:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Problema: gli intermediari finanziari del Nord Italia, ossia banche e società di intermediazione mobiliare, non investono la raccolta dei risparmi dei siciliani nell’Isola e, se i soldi non girano, il sistema si incarta. Soluzione: affidare i propri risparmi a chi ha cuore e cervello in Sicilia.
Problema: la grande distribuzione organizzata, e in generale le aziende che non hanno le sedi legali in Sicilia, reinvestono gli utili dove hanno la sede principale, utilizzano per lo più fornitori legati al territorio della sede principale, e pagano le tasse nella regione della sede principale. Soluzione: ogni qual volta sia possibile comprare da fornitori siciliani prodotti siciliani.
Problema: la pubblica amministrazione siciliana fa gare d’appalto con taglie dimensionali spesso oltre le capacità delle imprese siciliane che, non potendo così partecipare direttamente, finiscono per lavorare in subappalto per un piatto di lenticchie, mentre i margini rimangono alle aziende del Nord Italia. Soluzione: i responsabili delle pubbliche amministrazioni siciliane dimensionino il valore degli appalti a misura della realtà isolana.

Se vuoi metterti in contatto con Giuseppe Ursino questo è il suo profilo Linkedin

Clicca qui

Potrebbe interessarti:

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ARTICOLI RECENTI